D.G.R. 10 febbraio 2020 - n. XI/2817 "Disposizioni in merito alla presentazione delle domande di riconoscimento dell’equivalenza dei titoli del pregresso ordinamento ai titoli universitari dell’area sanitaria di cui all’art. 6, c. 3, d.lgs 502/92 - Avviso pubblico per la professione sanitaria riabilitativa di educatore professionale socio sanitario".

 

Allegati:
Scarica questo file (dgr_2817_10-02-2020.pdf)DGR 2817 del 10/02/2020[ ]1459 kB

Con deliberazione n. 138 ATS Insubria ha prorogato al 17 aprile 2020 il termine entro il quale è possibile recapitare, da parte dei soggetti capofila, proposte progettuali per Conciliazione vita – lavoro ex DGR 2398 / 2019 (deliberazione ATS n. 108 del 26 febbraio 2020).

Avviso pubblico per la selezione di progetti a supporto della conciliazione vita lavoro e del welfare aziendale, in attuazione della D.G.R. n. 2398 del 11/11/2019 “Politiche di conciliazione dei tempi di vita con i tempi lavorativi: approvazione linee guida per la definizione dei piani territoriali 2020 – 2023”.

Scadenza: ore 12,00 del giorno 17 Aprile 2020

Indirizzo PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Allegati:
Scarica questo file (decreto_486_17-01-2020.pdf)Decreto 486 del 17/01/2020[ ]86 kB
Scarica questo file (decreto_486_17-01-2020_allegato_a.pdf)Decreto 486 del 17/01/2020 - Allegato A[Indicazioni]74 kB
Scarica questo file (decreto_486_17-01-2020_allegato_b.pdf)Decreto 486 del 17/01/2020 - Allegato B[Scheda progetto]192 kB
Scarica questo file (decreto_486_17-01-2020_allegato_c.pdf)Decreto 486 del 17/01/2020 - Allegato C[Linee guida rendicontazione]126 kB
Scarica questo file (decreto_486_17-01-2020_allegato_d.pdf)Decreto 486 del 17/01/2020 - Allegato D[Richiesta di accesso agli interventi]113 kB
Scarica questo file (decreto_486_17-01-2020_allegato_e.pdf)Decreto 486 del 17/01/2020 - Allegato E[Format relazione tecnica]149 kB
Scarica questo file (decreto_486_17-01-2020_allegato_f.pdf)Decreto 486 del 17/01/2020 - Allegato F[Modello costituzione alleanze]124 kB
Scarica questo file (decreto_486_17-01-2020_allegato_g.pdf)Decreto 486 del 17/01/2020 - Allegato G[Informativa privacy]106 kB
Scarica questo file (Del_108_27-02-2020.pdf)Delibera 108 del 27/02/2020[ ]152 kB
Scarica questo file (Del_108_27-02-2020_allegato1.pdf)Delibera 108 del 27/02/2020 - Allegato 1[Avviso]497 kB
Scarica questo file (Del_108_27-02-2020_allegato1A.docx)Delibera 108 del 27/02/2020 - Allegato 1A[Domanda di partecipazione. Scheda progetto (Formato DOCX)]469 kB
Scarica questo file (Del_108_27-02-2020_allegato1A.pdf)Delibera 108 del 27/02/2020 - Allegato 1A[Domanda di partecipazione. Scheda progetto (Formato PDF)]514 kB
Scarica questo file (delibera_138_26-03-2020.pdf)Delibera 138 del 26/03/2020[Delibera di Proroga termini al 17/04/2020]150 kB
Scarica questo file (dgr2398_2019.pdf)DGR 2398 del 11/11/2019[Politiche di conciliazione dei tempi di vita con i tempi lavorativi (2020-2023)]262 kB

È online il nuovo portale www.lopsicologotiaiuta.it creato dall'Ordine degli Psicologi della Lombardia.

Il sito, costantemente aggiornato, raccoglie e sistematizza l'elenco dei servizi di ascolto e intervento psicologico mappati su tutto il territorio lombardo offerti sia dalle realtà delle reti di Psicologia dell'Emergenza sia dal servizio pubblico o dalla rete del privato accreditato.

Il portale mette a disposizione anche altre risorse:

  • vademecum che riportano suggerimenti utili per fronteggiare la paura e consigli per riorganizzare la propria quotidianità
  • una rassegna di video divulgativi realizzati dall’OPL sul tema dell’emergenza e della sua gestione che coinvolgono esperti italiani e internazionali
  • una rassegna legislativa aggiornata
  • una sezione dedicata alle informazioni scientifiche e divulgative presenti a livello nazionale e internazionale

E’ stato inoltre attivato un numero di telefono dedicato all'ascolto e al supporto psicologico per cittadini e operatori sanitari colpiti dall'emergenza sanitaria in corso.

Disposizioni riguardanti i soggetti in entrata in Italia e i lavoratori transfrontalieri
L’art. 1 del DM n. 120 del 17 marzo 2020 prevede che al fine di contrastare il diffondersi dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 tutte le persone fisiche in entrata in Italia, tramite trasporto aereo, ferroviario, marittimo e stradale, anche se asintomatiche, sono obbligate a comunicare immediatamente il proprio ingresso in Italia al Dipartimento di Prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio e sono sottoposte alla sorveglianza sanitaria e all’isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni.
La segnalazione può essere effettuata al seguente indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Persiste l’obbligo, In caso di insorgenza di sintomi COVID-19, di segnalare tale situazione con tempestività all’Autorità Sanitaria per il tramite dei numeri telefonici appositamente dedicati (per ATS Insubria 800769622).
Si specifica che Il provvedimento previsto dal DM n. 120/2020 non si applica a personale sanitario in ingresso in Italia per l'esercizio di qualifiche professionali sanitarie e ai lavoratori transfrontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza, abitazione o dimora (come stabilito dall’art. 1 comma 1 del successivo DM n. 122 del 18 marzo 2020).

Nuovo servizio attivato dal Comitato Regionale Lombardia Croce Rossa Italiana in collaborazione con Federfarma.

In considerazione dell’emergenza Covid-19 in Lombardia, il Comitato Regionale Lombardia Croce Rossa Italiana e Federfarma Lombardia hanno concordato di attivare, da lunedì 23 marzo, un nuovo servizio di consegna a domicilio, attivabile chiamando “CRI Pronto farmaco” al numero 02.3883350 in base alle seguenti indicazioni:

 

Orario

da lunedì a venerdì dalle 09:00 alle ore 19:00

 

Destinatari in possesso di prescrizione medica (o con codice NRE della ricetta)

  • cittadini in possesso di prescrizione medica (o con codice NRE della ricetta)
  • persone con oltre 65 anni;
  • persone non autosufficienti;
  • persone sottoposte alla misura della quarantena o risultati positivi al virus COVID-19.

 

Procedura

  • l'utente chiama la CRI per richiedere la consegna dei farmaci necessari;
  • la CRI fornisce all'utente il numero telefonico della Farmacia a lui più vicina, individuata grazie alla geolocalizzazione di Federfarma Lombardia su www.farmacia-aperta.eu ;
  • l'utente chiama la Farmacia indicata, concorda i farmaci a lui necessari e comunica NRE + Codice Fiscale e indica l'importo da pagare per farmaci e ticket;
  • la Farmacia chiama “CRI Pronto farmaco” e conferma il servizio;
  • la CRI attiva un proprio volontario, il quale si reca dall'utente per ritirare il contante per il pagamento;
  • il volontario CRI si reca in Farmacia per il ritiro dei farmaci e dello scontrino che riporta all'utente, con l’eventuale resto;
  • i farmaci vengono consegnati dal personale CRI in busta chiusa all’utente.

L’avviso pubblico, di cui alla d.g.r. n. 2469/2019, approvato con decreto n. 3167 del 10.03.2020 conferma l’importanza della realizzazione di interventi di sostegno abitativo a favore dei coniugi separati o divorziati, in particolare con figli minori, di cui alla l.r. 18/2014.

Con il medesimo decreto si è provveduto a modificare i criteri per accedere alla misura approvati con le delibere n. 7545/2017 e n. 644/2018 integrando:

  • requisiti di accesso;
  • spese ammissibili;
  • soglie minime e massime di ammissibilità;
  • fasi e tempi del procedimento;
  • ha promosso interventi di mediazione familiare.

Il decreto n. 3930 del 30 marzo 2020 ha stabilito inoltre: 

  • la sospensione, da parte delle ASST e dei Comuni, della presentazione domande e relativi progetti per interventi di mediazione familiare sino al 30 maggio 2020, vista la situazione particolarmente critica sul territorio della Regione relativamente all'emergenza epidemiologica che ha sospeso le attività in presenza delle amministrazioni pubbliche e dei soggetti privati preposti all'esercizio di attività amministrative e considerata l’ordinanza del Presidente di Regione Lombardia n. 515 del 22 marzo 2020;
  • che la presentazione dell’ISEE, per accoglimento e la valutazione da parte di ATS della domanda per il sostegno abitativo, si potrà allegare entro tre mesi dalla data di presentazione della domanda. L'erogazione della prima trance del 50% potrà avvenire comunque solo a seguito della presentazione dell’ ISEE (inferiore o uguale a € 30.000).

Su indicazione di Regione Lombardia si precisa, inoltre, che possono accedere all'Avviso Pubblico Sostegno abitativo a favore di coniugi separati/divorziati in condizioni di disagio economico anche le persone che hanno già ottenuto il beneficio nel passato, purché siano in possesso dei requisiti previsti dall'Avviso.

 

La domanda va presentata esclusivamente sulla piattaforma informativa Bandi online all’indirizzo www.bandi.servizirl.it

 

Data di apertura per le domande di sostegno abitativo: h. 12.00 del 19/03/2020, fino ad esaurimento risorse e comunque non oltre il 30 dicembre 2021.

 

Data di apertura per le domande di mediazione famigliare: h. 12.00 del 30/03/2020, fino ad esaurimento risorse e comunque non oltre il 30 dicembre 2021; attualmente la misura risulta sospesa sino al 30 maggio 2020.

 

Riferimenti di ATS Insubria per informazioni e segnalazioni relative al bando:

  • Alberio Giovanna: tel. 0332 277 225
  • Barbarino Ilenia: tel. 0332 277 732
  • Martini Elisa: tel. 0332 277 722
  • Mocchetti Silvia: tel. 0332 277 729

 

Riferimenti per assistenza tecnica sull'utilizzo del servizio on line della piattaforma Bandi online Sistema Agevolazioni:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

numero verde 800.131.151 attivo dal lunedì al sabato escluso festivi dalle ore 10:00 alle ore 20:00

 

Per maggiori approfondimenti:

 

Dal 12 marzo, in Provincia di Varese e di Como, le farmacie possono erogare il servizio di assistenza farmaceutica “a battenti chiusi”.

La scelta di operare a battenti chiusi o aperti è del singolo professionista, in ragione di variabili contingenti riconducibili all’emergenza in corso.

Le farmacie che decidono di svolgere il servizio a battenti chiusi mantengono invariati gli orari di servizio e garantiscono la presenza dei Farmacisti.

Per ricevere assistenza presso le farmacie che scelgono tale modalità, il cittadino può utilizzare il campanello di chiamata destinato alla chiamata durante il turno notturno o festivo presente in ogni farmacia.

Torna su

Questo sito utilizza cookie tecnici e «di terze parti» necessari per il funzionamento e la navigazione dello stesso. Inoltre questo sito raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate e a norma di legge.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione su altre pagine, acconsenti all'uso dei cookie.