Medicina di genere

La medicina di genere, o forse sarebbe meglio dire “medicina di sesso”, si propone di garantire adeguatezza e precisione nella diagnosi e cura delle persone di ogni genere e sesso: con il termine “sesso” si intendono le differenze biologiche geneticamente determinate alla nascita, mentre con “genere” si comprendono tutte le caratteristiche sociali, culturali e psicologiche apprese e modificabili.

La medicina, da sempre, ha dedicato attenzione allo studio delle malattie facendo riferimento al maschile, senza dare risalto alle differenze biologiche e socioculturali tra uomini e donne, trascurando, quindi, l’influenza che questi fattori hanno sul benessere o sulla malattia delle persone e sulla conseguente risposta alle terapie. Le specificità femminile veniva presa in considerazione solo per ciò che riguardava gli aspetti legati alla riproduzione.

Intorno al 1930, all’interno di studi di laboratorio, alcuni studiosi avevano rilevato differenti reazioni tra maschi e femmine. Per esempio la differente fisiologia (maschio o femmina) produce differenze nella risposta allo steso farmaco. E anche la differenza nella compliance del paziente risente della cultura di genere. Ma è solo tra gli anni ’80 e ’90 che prende spazio la coscienza che le donne non ricevano cure adeguate alle loro caratteristiche specifiche. Le differenze di trattamento trovano riscontro in diversi studi fino al 1991, anno in cui si parla per la prima volta, nel Regno Unito, di “questione femminile” all’interno di un articolo scientifico in merito alla gestione dell’infarto nell’uomo e nella donna: nasce la medicina di genere, branca della medicina, destinata ad approfondire il tema per garantire appropriatezza diagnostica e terapeutica, aprendo ad una medicina “su misura” del singolo individuo. Nel 2000 l’OMS - Organizzazione Mondiale della Sanità - inserisce la medicina di genere nel documento “Equity Act” nel tentativo di incrementare adeguatezza e appropriatezza di diagnosi e cura in base al genere. Il principio di equità e appropriatezza assume sempre maggior dignità, considerando la persona nella sua specificità individuale, un’irripetibilità assolutamente unica che risulta dallo scambio e dall’influenza reciproca di “sesso” e “genere”.

In Italia nel 2004 il Ministero della Salute promuove, per la prima volta, un evento genere-specifico dal titolo “La salute della donna: differenze, specificità e opportunità”. Inoltre, nell’Accordo Stato/Regioni del 22 novembre 2012 (Rep. Att. 227/CSR) viene individuata una programmazione mirata all’individuazione di “Misure dirette alla promozione dell’approccio di genere in sanità” e vengono stanziate risorse vincolate a disposizione, tra le altre, della Regione Lombardia. L’obiettivo specifico è elaborare e realizzare progetti sperimentali e innovativi che favoriscano l’approccio di genere nella valutazione e programmazione dei servizi sanitari regionali.

La più recente Legge n. 3 del 2018 - Decreto Lorenzin - per la prima volta, sancisce che il Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità avranno onere e competenza nell’ambito della programmazione di opportune strategie per la diffusione della medicina di genere, individuando quattro aree di intervento: divulgazione, formazione e promozione di pratiche sanitarie, prevenzione, diagnosi e cura.

 

INFO e approfondimenti

Istituto Superiore di Sanità:

 

Ultime news

Avviso incarichi provvisori e di sostituzione per la medicina convenzionata

Avvisi per la formazione di graduatorie aziendali per incarichi provvisori e di sostituzione per la medicina convenzionata

Ai sensi degli Accordi Collettivi Nazionali vigenti si pubblicano gli avvisi per il conferimento di incarichi provvisori e/o di sostituzione per medici interessati a svolgere le seguenti attività:

  1. Assistenza primaria (medicina generale)
  2. Continuità Assistenziale
  3. Pediatria di Libera Scelta
Leggi tutto...

Avviso per i contributi per l'acquisto di ausili/strumenti tecnologicamente avanzati per persone con disabilità o disturbi specifici dell'apprendimento - DSA

Apportate modifiche con decorrenza 16 gennaio 2023 all'avviso per ottenere contributi per l'acquisto o l'utilizzo di ausili e strumenti tecnologicamente avanzati per persone con disabilità o con disturbi specifici dell'apprendimento (DSA).

Leggi tutto...
Agevolazioni ticket sanitari non pagati

Agevolazioni ticket sanitari non pagati

L’art. 9 della Legge Regionale n. 33 del 28 dicembre 2022, ha modificato le misure per favorire gli assistiti che hanno usufruito, in regime di esenzione da reddito, di prestazioni sanitarie o di farmaci dispensati dal SSN senza la corresponsione del relativo ticket.

Leggi tutto...

Erogazione del contributo per l’acquisto di sostituti del latte materno alle donne affette da condizioni patologiche che impediscono l’allattamento - D.M. Salute 31.8.2021

“Indicazioni operative regionali per l’erogazione del contributo per l’acquisto di sostituti del latte materno (formule per lattanti) alle donne affette da condizioni patologiche che impediscono la pratica naturale dell’allattamento, ai sensi del D.M. Salute 31.8.2021.”

Leggi tutto...

Spostamenti dalla Cina all'Italia

Dal 28 dicembre 2022 e fino al 31 gennaio 2023, ai fini dell’identificazione e del contenimento della diffusione di possibili varianti del virus COVID-19, a tutti i soggetti in ingresso dalla Cina si applica la disciplina prevista dall'Ordinanza del Ministero della Salute.

Per comunicare il proprio ingresso in Italia dalla Cina clicca qui.

Bando Genitori Separati 2023

Regione Lombardia, in merito agli interventi di sostegno abitativo a favore di coniugi separati o divorziati, in particolare con figli minori di cui alla l.r. 18/2014, con il decreto n. 17869 del 05/12/2022 proroga il termine di scadenza dal 31/12/2022 al 15/03/2023 per la presentazione delle domande relative al Bando Genitori separati - vedasi pagina dedicata sul sito. 

Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?

Invia segnalazione

 

Torna su