ATS Insubria, nell’ambito delle iniziative dedicate alla Giornata mondiale istituita per contrastare la violenza contro le donne, nella settimana del 25 novembre, ha inaugurato due panchine rosse una a Como e una a Varese. Le panchine sono state recuperate tra gli arredi esterni dei due ex ospedali psichiatrici di Varese e Como, per farne un simbolo di contrasto alla violenza di genere.

 Nel corso delle cerimonie si è ricordato che le Nazioni Unite, esattamente 20 anni fa, hanno individuato la data del 25 novembre, come giorno in cui ricordare il sacrificio delle sorelle Mirabal, barbaramente uccise nel 1960, a causa della loro lotta per i diritti femminili.

Significativo il riferimento ai lavori del Parlamento italiano, da tempo impegnato nella lotta alla violenza sulle donne, attraverso la legge contro il femminicidio - 15 ottobre 2013 -, lo stalking - 9 ottobre 2018 – e, quest’anno, il Codice Rosso dello scorso19 luglio.

 

“ATS Insubria - ha spiegato il Direttore Generale Dr Gutierrez - ha deciso di posare due panchine ridipinte di rosso, colore simbolo della lotta alla violenza sulle donne, per promuovere l’educazione al rispetto della persona. Il benessere psicofisico, relazionale e sociale rientra, infatti, nella definizione di salute dell’OMS e la tutela della salute è la mission dell’ATS. In questo sono impegnati i nostri servizi di tutela e di promozione della salute”.

 

L’attenzione di ATS Insubria è testimoniata dai progetti sviluppati dalle Reti Interistituzionali Antiviolenza di Busto Arsizio, Como e Varese, che raccolgono esperienze e strategie per migliorare la presa in carico di donne vittime di violenza, in collaborazione con tutte le realtà che combattono gli abusi nei confronti delle donne.

 

 “Le panchine sono state posizionate all’interno degli spazi verdi di via Castelnuovo a Como e via Rossi a Varese, per condividere con la cittadinanza la speranza di un mondo migliore, in cui il rispetto per la persona sia più forte dell’assenza di pensiero che porta alla violenza – ha affermato la Dr.ssa Poncato Direttore Sociosanitario di ATS Insubria –. Abbiamo firmato un protocollo di intesa per la promozione di azioni e strategie condivise, finalizzate alla prevenzione e al contrasto del fenomeno della violenza nei confronti delle donne, per il periodo  “2017-2020”. Nell’ambito di questo protocollo, ATS Insubria ha proposto e organizzato un corso di formazione per gli operatori delle reti antiviolenza - psicologi, assistenti sociali, avvocati, volontari, educatori -, in collaborazione con l’Università Bicocca, in quanto il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale è il soggetto individuato da Regione Lombardia per la stesura del Piano Regionale quadriennale per la prevenzione e il contrasto della violenza sulle donne”. 

 

All’inaugurazione era presente anche la Dott.ssa Isabella Vecchi, Presidente del CUG – Comitato Unico di Garanzia di ATS Insubria per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni. La cerimonia si è conclusa con alcune letture, a tema, da parte di alcuni dipendenti di ATS Insubria.

Le Associazioni Sindacali USB-Unione Sindacale di Base ed USB PI-Unione Sindacale di Base Pubblico Impiego, hanno proclamato lo sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati, per l’intera giornata di Venerdì 29 novembre 2019.

 

Saranno comunque garantite le prestazioni di emergenza-urgenza, nonché i servizi di pronta disponibilità, in applicazione degli Accordi per la regolamentazione dei Servizi Minimi Essenziali di competenza del personale dell’Agenzia di Tutela della Salute dell’Insubria.

ATS Insubria, nell’ambito delle iniziative dedicate al tema della violenza sulle donne, inaugura due panchine rosse per sensibilizzare la cittadinanza sul tema.

 

Le inaugurazioni, sono programmate nei seguenti giorni:

  • Varese: mercoledì 27 novembre alle ore 10 in via O. Rossi a Varese nell’area antistante al Padiglione Centrale;
  • Como: giovedì 28 novembre alle ore 11 in via Castelnuovo a Como nell’area antistante la sede del CRAL.

Luoghi di Lavoro che Promuovono Salute. 

Rete WHP - Workplace Health Promotion Lombardia. 

Premiazione anno 2019

 

Appuntamento giovedì 28 novembre

presso Aula Magna - Università dell’Insubria - Via Ravasi 2 - Varese

 

L'iniziativa di  premiazione annuale delle aziende aderenti al programma regionale Rete WHP è stata avviata nel 2013 nel territorio di Varese con una collaborazione fra Unione degli Industriali della Provincia di Varese, ex ASL di Varese - ora ATS dell’Insubria - e i responsabili dei Dipartimenti Salute e Sicurezza di Cgil, Cisl e Uil.

 

La Rete WHP Lombardia è un Programma Regionale di promozione della salute, finalizzato alla prevenzione delle malattie cronico degenerative dovute a stili di vita non salutari.

Il Programma, coordinato e supportato da ATS Insubria sull'intero territorio di competenza,   ha come obiettivo il coinvolgimento del maggior numero possibile di imprese e luoghi di lavoro del territorio in attività o meglio “buone pratiche” (azioni efficaci e validate) in grado di modificare i comportamenti e migliorare le abitudini di vita delle persone in tema di alimentazione, promozione della attività fisica, lotta al fumo ed alle dipendenze in genere, conciliazione vita e lavoro, mobilità sostenibile e sicurezza stradale. 

 

Come ormai tradizione, è giunto il momento del riconoscimento a tutte la Aziende ed Enti che, nel 2019, hanno realizzato le attività pianificate e validate a inizio anno da ATS Insubria.

 

La novità di quest’anno sarà il Riconoscimento ai Medici Competenti che hanno collaborato a promuovere salute nei luoghi di lavoro di competenza.

 

L’appuntamento è giovedì 28 novembre 2019, alle ore 15.30, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi dell’Insubria in via Ravasi 2 a Varese.

Sarà anche l’occasione per ascoltare interventi qualificati legati da un tema conduttore che può essere sintetizzato in “Sempre più benessere in azienda”.

 

Di seguito l’elenco delle Aziende/Luoghi di lavoro in provincia di Varese che verranno premiati:

ALFREDO GRASSI SPA – LONATE POZZOLO

LAVORAZIONE SISTEMI LASI SPA - GALLARATE

LATI INDUSTRIA TERMOPLASTICI SPA – VEDANO OLONA E GORNATE OLONA

B.D.G.EL  SRL – BARDELLO

MAZZUCCHELLI 1849  SPA –sedi  CASTIGLIONE OLONA - VENEGONO SUP.

BANKS SRL – CASALE LITTA

MEDILABOR DI BORGOMANERI ANDREA & C.SAS –GALLARATE

BTICINO SPA – sedi TRADATE-VARESE

NOVARTIS FARMA SPA – ORIGGIO

CESARE GALDABINI SPA – CARDANO AL CAMPO

SABIC INNOVATIVE PLASTICS ITALY SRL –

OLGIATE OLONA

CIBITEX SRL-SOLBIATE OLONA

SANDOZ SPA – ORIGGIO

COMERIO ERCOLE  SPA – BUSTO ARSIZIO

STANLEY BLACK E DECKER ITALIA SRL – MONVALLE

COPYING SRL - CARONNO PERTUSELLA

STUDIO INGEGNERIA NOEMI MILANI SRL-GALLARATE

DHL Express -SOMMA LOMBARDO

SWK UTENSILERIE SRL - GEMONIO

EUROJERSEY SPA– CARONNO PERTUSELLA

UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI VARESE - SARONNO

FIMI SRL- SARONNO

UNIVA SERVIZI SRL - GALLARATE

FIVES INTRALOGISTICS SPA- LONATE POZZOLO

VIBA SPA – TRADATE

HEXION ITALIA SRL – SOLBIATE OLONA

ILMA PLASTICA SRL – GAVIRATE

VODAFONE AUTOMOTIVE ITALIA SPA – BUSTO ARSIZIO

VODAFONE AUTOMOTIVE SPA – VARESE

WHIRPOOL  EMEA SPA - BIANDRONNO

LASCOR –sedi  CASORATE SEMPIONE -  SESTO CALENDE

CASA DI CURA LE TERRAZZE – CUNARDO

FONDAZIONE BELLORA ONLUS - GALLARATE

FONDAZIONE VELINI CASA FAMIGLIA -TRADATE

COMACO SPA .RSA VILLA FIAMMETTA-ISPRA

FONDAZIONE  F. COLLEONI DE MAESTRI ONLUS – CASCIAGO

ISTITUTO CAV. F. MENOTTI - CADEGLIANO VICONAGO

RSA RESIDENZA ISPRA RELAIS- GRUPPO LE RESIDENZE-ISPRA

RSA RESIDENZA LAGO MAGGIORE-GRUPPO LE RESIDENZE-PORTO VALTRAVAGLIA

CENTRO DIURNO PAOLO ALBE’ – GORLA MAGGIORE

COMUNE DI VEDANO OLONA

3SG AZIENDA DI SERVIZI SOCIO SANITARI – GALLARATE

Ospedali di Saronno, Busto Arsizio, Gallarate per la ASST Valle Olona

Ospedali di Tradate, Cittiglio per la ASST Sette laghi

INAIL – sedi VARESE-GALLARATE-BUSTO A. –SARONNO

 

In allegato programma dell'evento

 

In occasione della Giornata contro la violenza di genere, che ricorre il 25 novembre, e' stato realizzato un video-messaggio che aiuta a riconoscere le diverse forme di violenza a danno della donna e informa sui riferimenti utili, cui rivolgersi per trovare il centro anti-violenza più vicino.

 

Il video vuole sensibilizzare la cittadinanza su questo tema: guarda il video.

 

NON sei da sola: sito e informazioni utili.

 

La “Promozione della Salute e Prevenzione Fattori di Rischio Comportamentali” organizza un percorso formativo rivolto agli operatori del percorso nascita delle ASST e strutture sanitarie accreditate del territorio, per promuovere l’allattamento secondo le raccomandazioni OMS/UNICEF, come richiesto e previsto dai Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e all'interno del programma “Promozione di stili vita favorevoli alla salute nei primi 1000 giorni di vita del Piano Integrato della Promozione della Salute (PIL) di ATS Insubria 2019.

Il Corso di formazione interaziendale ha l’obiettivo di integrare le competenze dei partecipanti con strumenti teorico-pratici, basati su prove di efficacia, e relativi alla promozione, protezione e sostegno dell’allattamento al seno, fisiologia, gestione della lattazione, counselling e aspetti etici e deontologici, per mettere in atto pratiche di sostegno all’allattamento materno basate su prove di efficacia.

In allegato la locandina con tutti i dettagli e le INFO.

 

Regione Lombardia ha pubblicato - DGR 2398 dell’11 novembre 2019 - le nuove regole per le politiche di Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, valide per i Piani territoriali che si realizzeranno nel 2020 – 2023.

Il percorso di elaborazione del Piano territoriale si realizzerà nei prossimi mesi, per concludersi alla fine di marzo 2020.

Sarà pubblicato anche un bando in modo che le alleanze possano presentare i loro progetti con un capofila che, per la prima volta, potrà essere anche privato no profit e non solo ente pubblico.

 

E’, inoltre, già prevista una riunione degli aderenti alla rete per la Conciliazione di ATS Insubria, venerdì 22 novembre 2019 - ore 9.30 - nella sede di Como di ATS in via Pessina 6.

 

Il Coordinamento territoriale di Como è a disposizione per informazione al seguente numero telefonico 031 370 265 dalle ore 8.30 alle ore 13.30

Sono stati inaugurati questa mattina i nuovi uffici della Agenzia di Tutela della Salute dell’Insubria (A.T.S.) siti in via Roma a Castellanza.

 

Alla presenza del Sindaco della Città di Castellanza, Mirella Cerini, del Direttore Generale dell’Agenzia di Tutela della Salute dell’Insubria (A.T.S.), Lucas Maria Gutierrez, e del Direttore Sanitario, Edoardo Michele Majno, è stato presentato il nuovo presidio che, per ATS fungerà da baricentro per una serie di attività e servizi sanitari per tutto il sud della provincia di Varese, da Busto Arsizio fino a Saronno.

 

Grazie ad un importante accordo tra Comune di Castellanza, A.T.S. dell’Insubria e A.S.S.T. della Valle Olona, siglato nel Dicembre 2018, gli spazi di via Roma, da tempo inutilizzati, sono stati completamente valorizzati e totalmente rioccupati, sottraendoli al rischio di abbandono e di sicuro degrado.

 

Nell’immobile di via Roma, di proprietà del Comune di Castellanza, rimangono al piano terra, gli uffici già presenti di A.S.S.T. Valle Olona, mentre al primo e al secondo piano si sono insediati una serie di Settori e Attività riconducibili al Dipartimento Igiene e Prevenzione Sanitaria di ATS Insubria. In particolare, il Settore Igiene Pubblica – Salute e Ambiente, il Settore Sicurezza Alimenti e il Settore Sorveglianza Malattie Infettive.

 

In particolare, per ATS sono operativi medici, infermieri e tecnici della prevenzione che si occupano di verifiche e controlli in materia di igiene dell’abitato, strutture collettive, strutture ricettive e ricreative, strutture sanitarie, problematiche ambientali di interesse sanitario e scuole, oltre che di controlli e verifiche di esercizi di ristorazione e supermercati, sulla qualità degli alimenti, di campionamenti su matrici alimentari e acqua potabile. Inoltre, viene svolta attività di prevenzione rivolta alle malattie infettive di interesse collettivo (ad esempio tubercolosi, salmonellosi…) a tutela della popolazione.

 

In tutto operano ora a Castellanza circa quindici addetti, tra medici, infermieri, tecnici provenienti anche dalle strutture ATS di Busto Arsizio e Saronno, ma l’intenzione è quella, in un prossimo futuro, di portare a Castellanza anche altre attività e, di conseguenza, anche altri addetti.

 

Quella di oggi è una giornata importante per la città di Castellanza – ha spiegato il Sindaco della Città di Castellanza arch. Mirella Ceriniperché, grazie all’accordo siglato lo scorso anno gli spazi di via Roma, da tempo inutilizzati, assumono una importanza strategica per tutto il territorio del sud della nostra provincia. Questo accordo è la dimostrazione che le collaborazioni positive tra enti portano a risultati utili per la collettività, in termini di presenza di servizi che contribuiscono a mantenere alta l’offerta socio sanitaria territoriale”.

 

“La riorganizzazione e la razionalizzazione degli spazi disponibili - ha dichiarato il Direttore Generale di ATS Insubria dott. Lucas Maria Gutierrez - rientra in un percorso di miglioramento continuo, grazie alla partnership con gli altri attori di sistema, per offrire ai Cittadini risposte concrete, anche attraverso processi di rigenerazione del territorio. Ringrazio quanti si sono adoperati per trasformare quella che poteva essere una dichiarazione di intenti in un risultato tangibile per la comunità.”

Torna su

Questo sito utilizza cookie tecnici e «di terze parti» necessari per il funzionamento e la navigazione dello stesso. Inoltre questo sito raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate e a norma di legge.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione su altre pagine, acconsenti all'uso dei cookie.