L'amianto è un minerale molto utilizzato in edilizia fino agli anni '80 e la sua pericolosità è legata al rilascio di fibre che si liberano nell'aria e possono essere respirate creando un rischio sanitario alla persona; pertanto i manufatti contenenti amianto in matrice compatta divengono pericolosi quando vi è uno sgretolamento o sfilacciamento del manufatto stesso.

L'ATS dell'Insubria è impegnata nell'attuazione delle disposizioni normative e regolamentari per gli aspetti igienico-ambientali, mirati alla bonifica e allo smaltimento dell'amianto, attraverso l'applicazione della Legge Regionale n. 17 del 29 settembre 2003 e delle successive modifiche apportate dalla Legge Regionale n. 14 del 31 luglio 2012 che danno attuazione al “Piano Regionale Amianto Lombardia” avviato dal 2006 con centimento dei siti e/o edifici interessati presenti nel territorio lombardo.

Obiettivi del Piano Amianto Lombardia (L.R. n. 17/2003 modificata dalla L.R. n. 14/2012) sono:

  • la salvaguardia della salute e del benessere delle persone rispetto all’inquinamento da fibre di amianto
  • la prescrizione di norme di prevenzione per la bonifica delle strutture e dei siti con presenza di amianto
  • la promozione di iniziative di educazione ed informazione finalizzate a ridurre la presenza di amianto

Obblighi del proprietario/detentore degli edifici con presenza di amianto:

  • presentazione all’ATS Dipartimento di Prevenzione Medico di modello Na/1 (censimento) per ogni sito/struttura con presenza di amianto
  • valutazione del rischio e/o stato di deterioramento dei manufatti con presenza di amianto e monitoraggio dello stato di degrado
  • mantenimento del sito in sicurezza ed eventuale programmazione di crono programma per intervento di bonifica.

Attività ATS-Insubria:

  • mappatura dei siti con presenza di amianto attraverso il censimento sulla base dei modelli Na/1
  • collaborazione con indicazioni per le Pubbliche Amministrazioni al fine della valutazione del rischio e messa in sicurezza dei siti con presenza di amianto
  • indagini richieste dalle Autorità Amministrative e Giudiziaria
  • controlli e contestazione di trasgressioni alle vigenti norme (sanzioni)
  • valutazioni di situazioni precarie e di potenziale rischio richiedendo i provvedimenti del caso all’autorità Amministrativa Locale
  • supporto al comuni nel caso di inerzia del proprietario/detentore del sito con amianto

Si ricorda che secondo quanto previsto dal Piano Regionale Amianto della Regione Lombardia (PRAL - 2006) per realizzare il "Censimento Amianto", i cittadini (proprietari, amministratori condominiali, rappresentanti legali, ecc.), responsabili di strutture o luoghi (edifici, box auto, capannoni, condomini, aziende agricole, ecc.), se sono a conoscenza dell'esistenza di materiale contenente amianto, sono tenuti a notificarne la presenza alla ATS (Dipartimento di Prevenzione Medico o articolazioni territoriali) con la compilazione di uno specifico modulo di censimento denominato "NA1".

Si ricorda che con l’attuazione della L.R. 14/2012 è stato introdotto dal febbraio 2013 un sistema sanzionatorio per chi omette di attivare il censimento del sito detenuto o di proprietà con presenza di amianto. La sanzione amministrativa pecuniaria prevista , fatte salve responsabilità penali, varia da un minimo di € 100,00 ad un massimo di € 1500,00.

Ultime news

Attivate 4 nuove linee per tamponi presso la base NATO di Solbiate Olona - Varese

La collaborazione tra il Comando NATO e ATS Insubria permetterà l’effettuazione di oltre 800 tamponi al giorno.

Leggi tutto...
Indennizzi: 167 milioni di euro per imprese e lavoratori

Indennizzi: 167 milioni di euro per imprese e lavoratori

I provvedimenti approvati dalla Giunta regionale il 17 novembre disegnano una architettura di aiuti integrati e complementari agli ultimi interventi emergenziali del Governo.

Leggi tutto...

Test Antigenici - Rapid Diagnostic Tests Ag-RDTS - Tampone Nasofaringeo - per la sorveglianza Covid-19. Disposizioni relative all’utilizzo - DGR n. XI / 3777 del 3 novembre 2020

Come previsto dalla DGR, si allega il materiale utile per comunicare ad ATS eventuali decisioni di avviare l’effettuazione dei test in forma privatistica, cioè in ambito NON SSR, anticipatamente all’avvio stesso.

Leggi tutto...

Torna su

Questo sito utilizza cookie tecnici e «di terze parti» necessari per il funzionamento e la navigazione dello stesso. Inoltre questo sito raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate e a norma di legge.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione su altre pagine, acconsenti all'uso dei cookie.