Regione Lombardia con le DD.G.R. 2720/2019, 2862/2020, 2798/2020, 2954/2020, 3055/2020 e 3178/2020 ha definito il "Piano Regionale per la Non Autosufficienza triennio 2019-2021 e il Programma Operativo Regionale annualità 2019-esercizio 2020".

Il Programma Operativo Regionale annualità 2019 - esercizio 2020 si attua attraverso la Misura B1 che è finalizzata a garantire la permanenza al domicilio e nel proprio contesto di vita delle persone con disabilità gravissima di qualsiasi età e si concretizza nell’erogazione di un Buono per compensare l’assistenza fornita dal caregiver familiare e/o da personale di assistenza impiegato con regolare contratto ed eventualmente di un voucher destinato al miglioramento della qualità della vita della persona in condizione di disabilità gravissima.

Anche per questa annualità si confermano le diverse tipologie di Voucher, già normate nel precedente FNA, la cui eventuale assegnazione, in aggiunta al Buono per il caregiver familiare e/o personale di assistenza impiegato, è a cura della ASST che, a seguito della valutazione multidimensionale, motiverà l’erogazione delle prestazioni previste nel Voucher all’interno del Progetto Individuale.

 

Destinatari

Persone al domicilio in condizione di disabilità gravissima che si trovano in una delle condizioni elencate nel Decreto interministeriale Fondo Nazionale per le Non Autosufficienze (FNA) anno 2016, all’art. 2, comma 2, lettere da a) ad i), riconfermate all’art.2, comma 2 del DPCM 21/11/2019 – relativo al triennio 2019-2021, annualità FNA 2019:

  • beneficiarie dell’indennità di accompagnamento di cui alla legge n. 18/1980 e successive modifiche/integrazioni con L.508/1988, oppure definite non autosufficienti ai sensi dell’allegato 3 del DCPM n. 159/2013;
  • che si trovino in una delle condizioni espressamente indicate nella domanda;
  • residenti in Lombardia da almeno due anni – il requisito della residenza di almeno 2 anni in Lombardia vale per le persone di nuovo accesso, con le seguenti specifiche:
  • minore con disabilità di età inferiore ai 2 anni nato in Italia: in questo caso si considera se almeno uno dei due genitori ha una residenza in Lombardia di almeno 2 anni
    • in caso di ricongiungimento familiare di minore il requisito della residenza (2 anni) deve essere posseduta dal minore stesso;
    • ISEE SOCIOSANITARIO fino a 50.000 per adulti/anziani;
    • ISEE ORDINARIO fino a € 65.000 per minori.

 

Dove presentare l’istanza per l’accesso alla Misura B1

La domanda di valutazione multidimensionale a favore di persone con gravissima disabilità per ammissibilità alla Misura B1, sia per gli utenti già in carico che per i nuovi utenti, si presenta presso le sedi territoriali di residenza – sedi SUW della ASST Lariana e uffici territoriali ADI della ASST Sette Laghi e della ASST Valle Olona.

 

Documentazione da allegare all’istanza per la valutazione di ammissibilità alla Misura B1:

Nuovi Utenti

  • Verbale di accertamento invalidità da cui risulti il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento, oppure certificazione della condizione di non autosufficienza ai sensi del DPCM n.159/2013, allegato 3
  • Documentazione clinica comprovante la condizione di gravissima disabilità redatta dallo Specialista medico di Struttura pubblica o privata accreditata, a contratto con la ATS per l’erogazione di prestazioni di ricovero e cura, specialistica ambulatoriale, psichiatria e neuropsichiatria infantile, il quale rilascia certificazione indicando il tipo di condizione ed il relativo punteggio ottenuto con l’applicazione della scala corrispondente
  • Autocertificazione con l’indicazione di chi assicura il compito di caregiver familiare specificando le ore dedicate alla funzione di caregiver
  • Contratto di regolare assunzione con versamento dei contributi previdenziali per personale di assistenza se assunto direttamente, oppure documentazione con validità fiscale emessa da ente terzo o dal professionista che eroga la prestazione
  • Certificazione ISEE con le caratteristiche sopra riportate

Ai fini della valutazione multidimensionale è facoltà delle ASST richiedere eventuale integrazione della documentazione.

LE NUOVE DOMANDE PER L'ACCESSO ALLA MISURA B1 SONO ACCOGLIBILI FINO AL 30 SETTEMBRE 2020.

 

Rinnovi - Presentare istanza entro il 29 Maggio 2020

  • Autocertificazione con l’indicazione di chi assicura il compito di caregiver familiare e con espressa previsione delle ore dedicate giornalmente alla funzione di caregiver;
  • In presenza di personale di assistenza a qualunque titolo remunerato: contratto con versamento dei contributi previdenziali per personale assunto regolarmente oppure documentazione con validità fiscale emessa da ente terzo (es. cooperativa) o da professionista che eroga la prestazione;
  • Certificazione medica rilasciata dallo Specialista, nel caso di minori con disturbo dello spettro autistico – lettera g) – qualora la stessa sia stata rilasciata da più di 24 mesi;
  • Certificazione ISEE con le caratteristiche sopra riportate.

Ai fini della valutazione multidimensionale è facoltà delle ASST richiedere eventuale integrazione della documentazione.

 

Modalità di erogazione del Buono

(erogato in base alla permanenza a domicilio della persona con disabilità gravissima)

 

DGR 3504/2020 - AGGIORNAMENTO

Si segnala che nella DGR:

  • vengono riconosciuti anche ai bambini con meno di 14 ore di frequenza scolastica o c/o un centro semiresidenziale i 300 euro di buono aggiuntivo per la mancata frequenza per i mesi da marzo ad agosto;
  • viene aumentata, dal 1° maggio 2020, la quota riconosciuta per il personale di assistenza da 200 a 300 euro per personale in regola per meno di 25 ore settimanali e da 300 a 400 euro per personale assunto per un orario settimanale da 25 a 40 ore.

 

  1. Se la persona con disabilità gravissima è a casa e non è in carico a Unità d’offerta semiresidenziali sanitarie, sociosanitarie, sociali (es. regime semiresidenziale di Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza, riabilitazione in diurno continuo, CDD, CDI, Progetto sperimentale riabilitazione minori disabili)
    ovvero
    se minore con disabilità gravissima che frequenta un servizio di infanzia, scuola o Unità d’offerta semiresidenziali sanitarie, sociosanitarie, sociali con precipua finalità socializzante e per un totale complessivo < 14 ore settimanali:

Valore mensile del Buono: fino a massimo € 1.100,00 articolato in:

1) € 600,00 in quanto Livello Essenziale regionale di Assistenza per sostenere il caregiver familiare o in caso di sua assenza (persona che vive sola al domicilio) per sostenere il personale di assistenza;

2) da un minimo di € 200,00 a un massimo di € 500,00 per sostenere, a titolo di rimborso, le spese del personale di assistenza regolarmente impiegato (es. badante, assistente familiare ex lr 15/2015, ASA/OSS, colf, baby sitter, educatore):
- tempo pieno € 500,00, indipendentemente se convivente o non;
- part time (almeno 25 ore settimanali) € 300,00;
- 25 ore settimanali € 200,00, a fronte di una spesa almeno di pari importo.

In relazione a bisogni complessi correlati a situazioni di dipendenza vitale, ventiloassistite e stati vegetativi e in assenza di personale regolarmente impiegato, può essere riconosciuto un ulteriore buono mensile sino ad un massimo di € 300,00 al caregiver familiare impegnato nell’assistenza diretta della persona con gravissima disabilità come specificato nel progetto individuale.

Per il personale regolarmente impiegato si intende quello assunto direttamente dalla persona con disabilità/famiglia con regolare contratto oppure quello fornito da Ente terzo (es. cooperativa) o da operatore a prestazione professionale.

Alle persone con disabilità gravissima, con capacità di esprimere la propria volontà, di età compresa tra i 18 e i 64 anni, che intendono realizzare il proprio progetto di vita indipendente senza il supporto del caregiver familiare, ma con l’ausilio di un assistente personale, autonomamente scelto e regolarmente impiegato, può essere riconosciuto oltre al buono mensile del valore di € 600,00, di cui al punto a) e al buono per il personale di assistenza regolarmente impiegato fino ad un massimo di € 500,00 di cui al punto b), un ulteriore buono sociale mensile fino ad un massimo di € 800,00 a fronte di una spesa almeno di pari importo.

Alla persona disabile gravissima, beneficiaria del buono a sostegno del progetto di vita indipendente di durata biennale e già in atto e finanziata con la precedente annualità FNA 2018, viene garantita la continuità con la presente annualità FNA 2019, anche con età superiore ai 64 anni. È onere degli Ambiti Territoriali segnalare tempestivamente alle ATS e ASST di riferimento, l’elenco delle persone beneficiarie della Misura B1 al fine dell’erogazione del buono con le risorse destinate a tale misura.

Si specifica inoltre che il cluster di età 18/64 anni indicato nelle delibere regionali precedenti e riconfermato nella DGR n. XI/2720/2019 è da considerare per le persone di nuovo accesso.

Tale ulteriore buono sociale può essere riconosciuto alle persone che sono in possesso di un ISEE sociosanitario < a € 25.000,00.

  1. Se la persona con disabilità gravissima:
    frequenta servizi infanzia/scuola per massimo 25 ore settimanali, con la precisazione che trattasi di valore convenzionale (pertanto tutti i minori che frequentano qualunque tempo scuola, hanno diritto ad accedere alla misura)
    ovvero
    è un adulto/anziano ed è inserito presso un servizio diurno (CSE, CDD, CDI) per un massimo di 14 ore settimanali
    ovvero
    frequenta servizi infanzia /scuola < alle 25 ore settimanali e un servizio diurno (es. CSE, CDD, CDI, semiresidenziale NPIA, diurno continuo Riabilitazione ex art. 26, Sperimentazione riabilitativa diurna) < alle 14 ore settimanali certificate dall’erogatore del servizio e comunque non superiore a complessive 35 ore.

Valore mensile del Buono: fino a massimo € 600,00

In caso di riconoscimento del Buono mensile di € 600,00 a disabile gravissimo che frequenta la scuola, nei mesi da marzo ad agosto il buono è innalzato ad € 900,00 - a compensazione del maggior onere assistenziale per il caregiver familiare dovuto al periodo di chiusura della scuola (mesi di luglio e agosto) e del pesante carico sostenuto dalla famiglia da marzo a giugno per la chiusura delle strutture educative causa Covid-19.

 

Modalità di erogazione del Voucher

In base agli esiti della valutazione multidimensionale e del Progetto Individuale (PI), possono eventualmente essere erogati, per sostenere particolari contesti familiari, i Buoni di cui al punto 1 e 2 possono essere integrati anche con i seguenti Voucher mensili:

  • Voucher mensile a favore di persone adulte fino ad un massimo di € 460.00 per il miglioramento della qualità della vita e delle loro famiglie;
  • Voucher mensile a favore di minori fino ad un massimo di € 600.00 per il miglioramento della qualità di vita dei minori e delle loro famiglie;
  • Voucher mensile sociosanitario alto profilo fino a € 1.650,00 per l’acquisto fino ad un massimo di 20 ore/settimanali di OSS.

Il valore massimo mensile fino ad € 1.650 è stabilito anche per i Voucher misti oppure per Voucher con solo Infermiere o solo Educatore, con eventuale ridefinizione del tetto di ore settimanali. Insieme al Voucher di alto profilo, viene erogato un buono mensile di € 600,00 per il caregiver familiare.

La persona/famiglia ha facoltà di candidarsi al Voucher di alto profilo: la presa in carico con questa modalità esclude quella con le altre 2 modalità declinate al punto 1 e 2.

pdf.png Enti Erogatori Voucher B1

Data 10/06/2020
Dimensioni del File 32.97 KB

Scarica

 

Informazioni

La modulistica relativa alla Misura B1 è scaricabile ai seguenti link:

 

Normativa

Ultime news

Attivate 4 nuove linee per tamponi presso la base NATO di Solbiate Olona - Varese

La collaborazione tra il Comando NATO e ATS Insubria permetterà l’effettuazione di oltre 800 tamponi al giorno.

Leggi tutto...
Indennizzi: 167 milioni di euro per imprese e lavoratori

Indennizzi: 167 milioni di euro per imprese e lavoratori

I provvedimenti approvati dalla Giunta regionale il 17 novembre disegnano una architettura di aiuti integrati e complementari agli ultimi interventi emergenziali del Governo.

Leggi tutto...

Test Antigenici - Rapid Diagnostic Tests Ag-RDTS - Tampone Nasofaringeo - per la sorveglianza Covid-19. Disposizioni relative all’utilizzo - DGR n. XI / 3777 del 3 novembre 2020

Come previsto dalla DGR, si allega il materiale utile per comunicare ad ATS eventuali decisioni di avviare l’effettuazione dei test in forma privatistica, cioè in ambito NON SSR, anticipatamente all’avvio stesso.

Leggi tutto...

Torna su

Questo sito utilizza cookie tecnici e «di terze parti» necessari per il funzionamento e la navigazione dello stesso. Inoltre questo sito raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate e a norma di legge.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione su altre pagine, acconsenti all'uso dei cookie.